I Turni di Lavoro degli Infermieri: Come Affrontare le Principali Difficoltà

Turni di lavoro per infermieri, come ottimizzarli

Ben ritrovati sul blog di Archimede,
società di sviluppo software per le human resources attiva da quasi 25 anni che si occupa di contribuire all’ottimizzazione della forza lavoro nel panorama nazionale.

Come sappiamo, il servizio sanitario deve fare fronte a una esigenza di organizzazione del lavoro 24 ore su 24 e 7 giorni su 7. Quasi i ¾ degli orari degli infermieri sono costituiti da turni (per scendere alla comunque rilevante soglia del 60% per le altre figure in ambito sanitario e assistenziale); gli infermieri lavorano in media 36,8 ore contro una media di 37,8 ore ma svolgono ampiamente più turni rispetto alle altre professioni.

Gli addetti alla pianificazione del personale sono chiamati a mediare tra le esigenze di erogazione del servizio e di ridurre il più possibile l’affaticamento che grava sugli operatori sanitari.

Turni di lavoro degli infermieri – Criticità e aspetti da considerare

La situazione è indubbiamente difficile, la normativa che prevede un riposo di almeno 11 ore tra un turno e l’altro (senza eccedere le 48 ore lavorative la settimana) richiederebbe un organico superiore a quello effettivamente a disposizione degli ospedali e di enti simili. Nel 2016 si contavano 1.723 infermieri in meno rispetto all’anno precedente, a cui vanno sottratti altri 2.788 addetti rispetto all’anno ancora precedente, e ogni infermiere ha in carico 11 pazienti in media mentre non dovrebbe seguirne più di 6.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Data questa situazione, è evidente quanto sia delicata la fase di pianificazione dei turni degli infermieri che deve riuscire da un lato a garantire una fornitura del servizio assistenziale quanto più completa possibile, dall’altro deve cercare di contenere lo sforzo fisico e mentale a carico del personale infermieristico.

La gestione delle risorse umane coinvolge trasversalmente le diverse aree del personale, è improntata su obiettivi di efficacia ed efficienza, di tempestività e sicurezza, e riveste di un ruolo centrale la relazione tra gli addetti in turnazione e i pianificatori, sulla cui corretta comunicazione si basa la precisione e puntualità del servizio offerto. Le strutture sanitarie quali ospedali, istituti di riabilitazione, case di cura e di riposo spesso ricorrono a strumenti basilari come fogli elettronici per la creazione di turni di lavoro per infermieri, strategia che però ha il fato corto per l’impossibilità di variare con prontezza gli impegni pianificati, informando adeguatamente tutte le persone coinvolte ed esponendosi a rischi di scoperture del servizio.

La gestione del lavoro su orari particolari deve essere improntata attorno a un equilibrio tra le esigenze operative e il benessere degli occupati; i turni possono comportare effetti dannosi sulla salute quali:

  • Calo della melatonina per via della riduzione all’esposizione solare
  • Un’alterazione del ritmo circadiano
  • Riduzione dell’efficacia del sistema immunitario
  • Stanchezza, irrequietezza e disturbi del sonno
  • Problemi digestivi
  • Difficoltà di concentrazione
  • Rischio di ammalarsi (L’8 marzo, l’ANSA ha reso noto un progetto di prevenzione che impone gli screening mammografici le lavoratrici presso l’ospedale San Paolo di Bari nel quale sono stati riscontrati 10 casi di donne turniste di notte che hanno sviluppato il carcinoma mammario.
  • Incremento del rischio di incidenti sul lavoro
  • Un aumento dello stress che coinvolge il benessere psicofisico e l’equilibrio della vita sociale

La fatica del lavoro a turni ovviamente si aggrava con l’avanzare dell’età, perciò un invecchiamento del comparto degli occupati comporta l’esigenza di modificare il piano di turni che li riguarda.

La programmazione dei turni di lavoro per infermieri deve quindi tenere conto di specifiche necessità dettate dal loro ruolo e dalla normativa, in particolare:

  • Evitare se possibile i turni dalla durata superiore alle 8 ore, e predisporre apposite pause per ridurre lo stress
  • Garantire 2 riposi nell’arco di 14 giorni
  • Ogni turno di lavoro deve essere intervallato da un riposo minimo di 11 ore
  • Non si devono superare le 48 ore lavorative la settimana
  • Avere consapevolezza in ogni momento delle assenze programmate e improvvise per approntare le opportune sostituzioni
  • Garantire una flessibilità di programmazione che tenga conto del debito e del credito orario degli addetti
  • Analizzare le variazioni introdotte per adeguare il diritto ai riposi di conseguenza

Il personale sanitario che deve lavorare nei turni notturni può comunque adottare degli accorgimenti atti a ridurre l’impatto negativo della fatica e dell’alterazione del ciclo veglia-sonno; adottare una alimentazione compatibile con il lavoro di notte permette già di ridurre gli impatti negativi sulla salute.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Come creare i turni di lavoro degli infermieri con la Suite Archimede HR

La corretta pianificazione dei turni di lavoro dei camici bianchi permette di distribuire gli impegni tra le figure a disposizione in relazione alle regole interne, alle normative sul riposo minimo in ambito sanitario, alle skill richieste da ciascun turno (dei medici e del personale assistenziale) e alle preferenze dei singoli addetti.

Archimede, che ha recentemente festeggiato i 25 anni di attività, è il punto di riferimento italiano dei software per il workforce management. La piattaforma Archimede per la gestione operativa dei turni di lavoro è impiegata in Italia e all’estero presso aziende ospedaliere, call center, aeroporti, aziende di produzione e di servizi, esercizi commerciali, comandi di polizia e musei.


CASE HISTORY: L’OSPEDALE VITTORE BUZZI DI MILANO ADOTTA LA SUITE ARCHIMEDE HR

 

Gestire i turni di lavoro degli infermieri diventa quindi molto più organizzato e intuitivo, in quanto la Suite Archimede permette di diminuire il ricorso a straordinari e reperibilità e di:

  • Pianificare il corretto fabbisogno di risorse
  • Tenere traccia dei recuperi attraverso l’istituto del monte ore e della banca ore
  • Programmare i turni di lavoro degli infermieri nei rispettivi reparti
  • Governare le coperture delle posizioni di lavoro
  • Aggiornare in tempo reale tutti i parametri relativi al personale gestito
  • Tenere traccia delle variazioni apportate al piano dei turni
  • Allertare i responsabili delle variazioni introdotte via e-mail e SMS

 

La Suite Archimede HR permette di programmare i turni del personale in relazione al fabbisogno ideale date le esigenze della strutture e al quadro più ampio del complesso processi HR, di amministrare la distribuzione del personale sanitario presso i diversi reparti a seconda delle necessità e delle scoperture rilevate.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

 

CASE HISTORY: LA CONGREGAZIONE FIGLIE SANTA MARIA DELLA PROVVIDENZA E LA SUITE ARCHIMEDE

 

La piattaforma Archimede sostiene i coordinatori nel visualizzare la situazione della forza lavoro costantemente aggiornata, nel gestire il personale in turnazione nei rispettivi reparti di appartenenza. I moduli del software per il workforce management condividono lo stesso database delle anagrafiche, e questo permette di aggiornare una sola volta e in maniera complessiva tutto ciò che riguarda l’attribuzione delle prestazioni lavorative a ogni specifico addetto (ad esempio, per quanto riguarda i turni attribuibili dato il contratto in vigore).

Programma per creare turni di lavoro - Turni@rc

Ogni pianificatore può essere autorizzato a visualizzare i piani di lavoro secondo le proprie mansioni, e i piani di lavoro possono essere prodotti e resi visibili in un momento successivo a quello della creazione, ottimizzando il tempo degli addetti.

 

Se questo articolo ti è piaciuto, commentalo sulle nostre pagine social oppure consulta anche le altre news sul mondo del lavoro!

Devi aver effettuato il login per pubblicare un commento

Questo sito utilizza cookie tecnici necessari per garantirne il corretto funzionamento. Per utilizzare le piene funzionalità del sito, clicca su "Accetto i cookie". Per consultare nel dettaglio i cookie impiegati da questo sito e verificare le loro modalità di cancellazione, clicca sulla nostra Privacy Policy. Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi